π„πŒπ„π‘π†π„ππ™π€ π”π‚π‘π€πˆππ€: π€π‚π‚πŽπ†π‹πˆπ„ππ™π€

Pubblicato il 7 marzo 2022 β€’ EMERGENZA UCRAINA

In risposta alle diverse sollecitazioni pervenute in questi giorni dai Sindaci per promuovere un’azione di solidarietà coordinata tra i Comuni su tutto il territorio provinciale e richiamata la nota odierna di Prefettura, con la presente si invia una nota di aggiornamento. 
Al fine di raccogliere la disponibilità di alloggi da privati per accoglienze di carattere temporaneo, è stato predisposto un comunicato stampa con le indicazioni per la segnalazione delle disponibilità e i numeri di telefono dedicati (uno per Ambito Distrettuale), con richiesta di diffusione tramite i vostri canali. Si precisa che la dichiarazione di disponibilità ad affittare un immobile da parte del privato cittadino o della struttura ricettiva, non comporta un impegno con i Comuni e che il privato cittadino o il proprietario di struttura ricettiva potrà essere contattato nel caso in cui, nel Comune in cui l'immobile è ubicato, si registri la necessità di reperire spazi per l'accoglienza. 
Inoltre, alla luce delle disposizioni pubblicate oggi dal Ministero sono in corso ulteriori approfondimenti sulla possibilità di accoglienza nei progetti SAI. per la previsione di inserire le persone nel circuito di accoglienza SAI, mentre per quanto riguarda le indicazioni di carattere sanitario sono in corso interlocuzioni con ATS e ASST e a breve verranno fornite ulteriori indicazioni. 


Considerato che in molti Comuni sono già ospitate persone arrivate dall’Ucraina, si richiama l’importanza di attenersi alle indicazioni fornite dalla Prefettura: ai sensi dell’art 7 T.U.I, entro due giorni va fatta segnalazione di ospitalità al Sindaco o alla Questura per i residenti a Lecco e entro 8 giorni la dichiarazione di presenza in Questura (In allegato alla presente si trasmette modulo di segnalazione di ospitalità ex art 7 T.U.I e dichiarazione di 
presenza per opportuna diffusione e informazione). In merito alle modalità di ingresso e di permanenza si precisa che è prevista la possibilità per i cittadini ucraini di presentare domanda di protezione internazionale presso la Questura.
Tali adempimenti sono altresì necessari per poter disporre degli elenchi per il coinvolgimento di ATS/ASST anche ai fini di eventuali vaccinazioni o tamponi; sul punto verranno fornite indicazioni nei prossimi giorni. 
Per garantire l’accoglienza sul nostro territorio delle persone in fuga dall’Ucraina i Comuni del Distretto di Lecco e Fondazione Comunitaria hanno attivato il Fondo “Lecco ospita l’Ucraina”. 
Le donazioni sono finalizzate a sostenere le spese per l’ospitalità nei Comuni della Provincia di Lecco, la fornitura di generi di prima necessità (cibo vestiario medicinali) e tutti gli interventi necessari per i cittadini Ucraini arrivati nei nostri Comuni. 

Per donare: 
Bonifico bancario intestato a Fondazione comunitaria del Lecchese: 

  • presso Intesa Sanpaolo 
    IBAN: IT28 Z030 6909 6061 0000 0003 286
  • presso Banca della Valsassina 
    IBAN: IT87 B085 1522 9000 0000 0501 306 
     
    Causale: Lecco ospita l’Ucraina 

Per ogni ulteriore informazione e chiarimento è possibile contattare gli Uffici di Piano degli 
ambiti distrettuali. 

Ambito Distrettuale di Merate - Comuni di Airuno, Barzago, Barzanò, Brivio, Calco, Casatenovo, 
Cassago Brianza, Cernusco Lombardone, Cremella, Imbersago, La Valletta Brianza, Lomagna, 
Merate, Missaglia, Montevecchia, Monticello Brianza, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno 
d’Adda, Robbiate, Santa Maria Hoè, Sirtori, Verderio e Viganò 

Recapiti: 
Ufficio Casa d’Ambito – tel. 039/9165965 (dal lunedì al giovedì dalle 8:30 alle 12:30 oppure lasciare un messaggio in segreteria) 
indirizzo mail: ufficiodipiano@retesalute.net
 

dichiarazione-presenza-turismo
Allegato formato pdf
Scarica
modulo-dichiarazione-di-ospitalita
Allegato formato pdf
Scarica